Amalarte
Spettacoli teatrali nei teatri off di Roma

Inferno a fumetti

AVVISO AI SOCI
dal 02 aprile 2022 alle 20:00 al 02 aprile 2022 alle 23:00
Inferno a fumetti
15,00 €
dal 02 aprile 2022 alle 20:00 al 02 aprile 2022 alle 23:00
Prezzo:  15,00 €
Teatro:  Altrove Teatro Studio
Genere: 
Regista: Ottavia Bianchi
Sinossi:
A cinquant'anni dalla morte, l'opera di Dino Buzzati appare ancora come un universo artistico tutto da scoprire fatto di immagini prima che di parola, per dare spesso vita ad un affresco poliedrico e multiforme delle miserie umane. Prendendo spunto dal personaggio di Laide, eroina maledetta del suo romanzo "Un Amore" del ‘63, si racconta la discesa agli inferi di un moderno Orfeo alla ricerca della sua Euridice. Buzzati, da sempre animato più dall'esigenza di dipingere che da quella di scrivere, ci narra di lui attraverso la modernissima forma del fumetto. Partendo dal viaggio visivo e musicale del suo Orfeo, attraverso suoni psichedelici ed echi musicali del periodo, l'immersione nella fossa immensa e buia dell'immaginario del poeta è immediata.

"Le streghe hanno bocche, le streghe hanno denti, ora cominciano i vostri tormenti."

Il tentativo è quello di restituire l'atmosfera e le suggestioni della parola poetica di Buzzati ma anche le sue ossessioni linguistiche e pittoriche attraverso la commistione di suoni, voci, musica dal vivo, immagini e frammenti della sua vasta produzione letteraria.

Antonio Dorigo, il grande scenografo protagonista di "Un Amore", alter ego dell'autore, è un uomo d'arte come d'altronde lo è l'Orfeo che lo stesso Buzzati ridisegna letteralmente dopo averlo pescato dal Mito e scaraventato nella Milano del 1969. Al posto dell'Inferno tradizionale, una specie di universo parallelo, inquietante e misterioso in cui, a cavallo della sua chitarra, Orfeo si addentra alla ricerca della sua amata. L'inferno tratteggiato in "questa cosa che viene dalle visceri" è carico di suggestioni erotiche e visionarie e , nel disegnarlo, Buzzati riaffronta i suoi temi fondanti come il duello tra vita e morte, gli incubi e l'ossessione amorosa per quell'antieroina irresisistibile e nera che è la Laide del suo romanzo, "Un amore". Il suo Orfeo/ Dorigo è un musicista che incanta orde di ragazzine nei night club, la guida che lo conduce nell'Averno è una valletta dal fascino carnale. La caduta libera nell'ossessione amorosa è assolutamente pop, psichedelica, trasgressiva.